Articoli

Stampa

Davide Giacalone

Nominato dal Ministro Brunetta Presidente DigitPA

Curriculum presentato alla Commissione Affari Costituzionali della Camera in occasione dell'espressione del parere sulla nomina. Seduta del 20 gennaio 2010.

Davide Giacalone (1959)
Dal 1979 in poi, mentre continuava a crescere il numero dei tossicodipendenti, si è trovato al fianco di Vincenzo Muccioli, con il quale ha collaborato, nella battaglia contro la droga.
Dal 1980 al 1986 è stato segretario nazionale della Federazione Giovanile Repubblicana.
Dal luglio1981 al novembre 1982 è stato Capo della Segreteria del Presidente del Consiglio dei Ministri.
Dal 1987 all’aprile 1991 è stato consigliere del Ministro delle Poste e delle Telecomunicazioni, che ha assistito nell’elaborazione dei disegni di legge per la regolamentazione del sistema radio-televisivo, per il riassetto delle telecomunicazioni e per la riforma del ministero PT, oltre che nei rapporti internazionali e nel corso delle riunioni del Consiglio dei Ministri d’Europa.
È stato consigliere d’amministrazione e membro del comitato esecutivo delle società Sip, Italcable e Telespazio.
Dal 2003 al 2005 presidente del DiGi Club, associazione delle Radio digitali.
Nel 2008 riceve, dal Congresso della Repubblica di San Marino, l’incarico quale consulente per il riassetto del settore telecomunicazioni e per predisporre le necessarie riforme in quel settore.
Nel 2008 il Ministro della Pubblica Amministrazione e dell’Innovazione gli assegna un incarico quale consigliere.
È autore di numerosi articoli e studi, oltre che dei libri che qui di seguito si ricordano :
1980, “Bucati e sconfitti”, sui problemi della droga.
1981, “Oggi, Come”, sulla condizione giovanile e su tematiche politiche.
1981, “Dal Sindacato dell’autunno all’autunno del sindacato”, sui problemi sindacali.
1982, “Cattolici in politica : una storia letta da parte laica”, sulla storia del movimento cattolico e della Democrazia Cristiana.
1984, “Fra i giovani e la droga”.
1984, “La libertà la Repubblica, l’altra Italia”, storia della Federazione Giovanile Repubblicana.
1985, “Droga : fra repressione e recupero”, uno studio di diritto comparato.
1985, “Comunità per tossicodipendenti”, volume che raccoglie gli atti di un convegno sulle comunità
per tossicodipendenti e nel quale è presente un suo intervento.
1986, “Per una sinistra che non c’è”, sul sistema politico italiano e sulle condizioni della sinistra parlamentare.
1987, “Vincere la droga”.
1987, “Fra Governo e Parlamento”, libro intervista con Oscar Mammì, Ministro per i Rapporti con il Parlamento.
1987, “Governo e Parlamento nei lavori della Commissione Bozzi”, sulle possibili riforme istituzionali.
1987, “Il seme e l’atomo”, sull’energia nucleare ed ilmovimento ecologista.
1988, “Italia chiama Europa”, sul sistema delle telecomunicazioni italiane e sulla necessità dell’integrazione CEE.
1989, “La posta in gioco”, sul sistema postale italiano e sul confronto con quelli di altri paesi europei.
1990, “Antenna libera. La Rai, i privati, i partiti”
1990, “La guerra del telefono”, con Franco Vergano
1991, “Della politica e della sua moralità”
1991, “Tamburi di latta” volume collettaneo, nel quale pubblica un saggio sul riassetto delle telecomunicazioni italiane, ed uno sull’OFTEL inglese.
1992, “La guerra delle antenne”.
1992, “Uscire dal monopolio”.
1993, “La mia battaglia contro la droga, l’emarginazione e l’egoismo”, con Vincenzo Muccioli.
1993, “La regola e la frontiera”, di Contaldo e Mazzatosta, nel quale è pubblicato un suo intervento.
1993, “Cogitabondo”
1995, “L’Italia degli altri”
1996, “Disonora il giusto”, Introduzione di Andrea Muccioli.
1997, “Attacco alla libertà”
1998, “Opinoni di libertà”
1999, “Dallo SME all’Euro. Un percorso istruttivo” contenuto in Europurgatorio, a cura del prof. Giancarlo Pochetti
1999, “L’Europa dei diritti e delle libertà”
2000, “A maggior Gloria di Maddalena”
2000, “Politicamente scorretto”
2003, “L’Italia come bugia”
2003, “DigiRadio”
2004, “Razza Corsara”
2004, “Democrazia e Libertà”, con Arturo Diaconale
2004, “L’Italia che reagisce”, che contiene il suo “Una chiara scelta occidentale”
2005, “Diario Civile”
2006, “Dove siamo e come ci siamo arrivati” e “Le due italie, che sono una sola”, contenuti in “Perché la sinistra non ha vinto”
2006, “Il referendum capovolto”, in “Un bel sì per mandare a casa Prodi”
2006, “Il grande intrigo”
2006, “Il fascino perverso del comunismo”, in “Le mani rosse sull’Italia”
2006, “Cento brutti giorni, ma il problema non è Prodi”, in “I primi cento giorni di Prodi”
2006, “L’interesse alla debolezza istituzionale della politica”, in “I sindaci in rosso”
2006, “Prodi, Telecom & C.”
2006, “La legge finanziaria, la slealtà fiscale dello Stato ed i guasti della politica”, in “Tutte le tasse di Prodi & C.”
2006, “Libertà, laicità e convivenza”, in “Giù le mani dalla nostra libertà”
2007, “L’imbroglio prima, durante e dopo le elezioni”, in “Urne tradite”
2007, “Non stop views”
2007, “Né rosse né cooperative”, in “Le coop rosse”
2007, “Televisioni & Politica”
2007, “Malagiustizia”
2007, “Veltroni ed il Partito Democratico” e “Veltroni e la TV”, in Veltroni Walter
2007, “Contro la sinistra reazionaria, per una sinistra di governo”, in PD
2007, “Dalla parte dei giovani, dei lavoratori, dell’interesse collettivo”, in Giù le mani dalla Legge Biagi
2008, “Una Voce alla Radio”
2008, “Fannulloni d’Italia”
2009, “Good morning Italia”

Commenti   

 
0 #1 Roberto di Pescia 2012-07-21 18:29
Posso dire che lo ascolto tutte le mattine su radio 102.5, e credo di poter dire che al di là delle sue idee politiche (che oltretutto condivido) sia una delle poche persone che quando esprimono un pensiero ad alta voce, lo stesso risulta molto comprensibile.
un saluto a tutti !
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna